Marionette » LA CENERENTOLA

Riduzione dell'opere lirica di Gioacchino Rossini
con le marionette a filo della Collezione Augusto Grilli

Compagnia Marionette Grilli
Regia di Augusto Grilli

LA TRAMA

Atto I
Nella casa di Don Magnifico, patrigno di Cenerentola e padre di Tisbe e Clorinda, le tre ragazze sono impegnate ciascuna in un lavoro diverso; mentre le due sorellastre si stanno esercitando nel canto e nella danza, Cenerentola sta pulendo vicino al camino. L'arrivo di un personaggio misterioso, Alidoro, le distoglie dalle loro occupazioni.
Alidoro vestito da mendicante chiede la carità e viene scacciato dalle due sorellastre; solo Cenerentola gli offre un po' di colazione. Il diverbio viene interrotto dall'arrivo di alcuni messaggeri che annunciano un grande ballo al castello ed invitano tutte le ragazze a parteciparvi. Frattanto il principe, Don Ramiro, scambiati gli abiti con il suo scudiero Dandini, si presenta nella casa di Don Magnifico per osservare il comportamento delle tre ragazze. Subito si imbatte in Cenerentola, rimanendo colpito dalla sua semplice bellezza. Don Magnifico afferma di avere solo due figlie, e perciò solo queste potranno andare al ballo,ma grazie ad una magia operata da Alidoro, anche Cenerentola potrà parteciparvi.

Atto II
Durante il ballo le due sorellastre fanno a gara per ingraziarsi il principe che, invece, è lo scudiero travestito. Intanto giunge al ballo una dama misteriosa con il volto velato accompagnato da Alidoro. Tutti chiedono che si sveli e solo dopo varie insistenze questo avverrà: tutti rimangono stupiti da tanta bellezza.
Nel giardino Cenerentola donala principe (quello vero) uno dei suoi braccialetti (lei ne ha uno uguale nell'altro braccio) e poi se ne torna a casa. Il principe, disperato per la perdita di questa ragazza ordina di cercarla ovunque. Sarà lui stesso a ritrovarla con l'aiuto del braccialetto donatogli, la sposerà e vivranno tutti felici e contenti, anche perché perdoneranno il patrigno e le sorellastre per i torti ricevuti.

TEMI E MOTIVAZIONI
Proponiamo una riduzione da "La Cenerentola " di Gioacchino Rossini adattandola ai nostri piccoli interpreti, che mal sopportano le lunghe tirate dei solisti, reintegrando tutto quanto di favolistica era stato tolto da Rossini, che aveva adattato la favola al gusto dei contemporanei. Molti degli elementi della favola che erano stati trascurati (la trasformazione della zucca, quella dell'abito, ecc.) sono stati reinseriti nella vicenda, grazie anche ad una scenografia che si trasforma in continuazione, dove il grande camino diventa ora cucina, ora sala, ora giardino, con passaggi senza interruzione da una scena alla successiva.

TECNICHE
Le marionette create apposta per questo spettacolo hanno le teste scolpite da Amerigo Carella e sono state studiate in modo particolarmente accurato sia nella struttura (che permette movimenti aggraziati) sia nel costume; alte 50 cm., sono manovrate su di una struttura scenografica "a vista", dove i marionettisti, oltre ad essere animatori, diventano anche attori interagendo con loro.

ESIGENZE TECNICHE:
Pedana mt 6x4 alta 50 cm.
Presa corrente 220V. 6 KW
Buio
Condividi:




Scarica la Scheda

Scarica le Foto per la Stampa

seguici su Facebook
La Collezione Marionette Grilli cerca casa!
10.000 marionette, burattini, ombre e pupazzi provenienti da tutto il mondo e databili dal Settecento ai giorni nostri sono in cerca di una casa in cui tornare a vivere.
ENTRA Ti piacerebbe organizzare una mostra con le nostre marionette?
Per avere informazioni sulle mostre già realizzate e sapere come ospitarne una clicca qui.
LEGGI
foto e video newsletter e contatti